|  
febbraio 20, 2019
Blog
Blog

 


Soluzioni che hanno l’obiettivo di ottimizzare la gestione dei documenti e i processi di comunicazione interni ed esterni alle aziende attraverso sistemi di protocollo informatico e archiviazione digitale.

per saperne di più>>

 



 

Archivio
Categorie

Windows Sandbox per eseguire le applicazioni in uno spazio sicuro

Windows Sandbox per eseguire le applicazioni in uno spazio sicuro

E' di fatto una macchina virtuale che permette di avviare software potenzialmente dannoso, senza interferenze con le restanti parti del sistema operativo. La funzionalità sarà verosimilmente parte di Windows 10 19H1, la prossima major release del sistema operativo, in arrivo all'inizio del prossimo anno.

Windows Sandbox, nello specifico, viene definito come: "un ambiente desktop, isolato e temporaneo, in cui è possibile eseguire software non attendibile senza il timore di un impatto persistente sul PC. Qualsiasi software installato in Windows Sandbox resta solo nella sandbox e non influenza l'host".

Come specificato da Microsoft, Windows Sandbox richiede Windows 10 Pro o Enterprise build 18305 (e successive) - una versione di Windows che non è stata ancora resa disponibile, ma che dovrebbe essere immessa a breve nel circuito del Fast Ring (l'ultima Insider Preview è la 18298 rilasciata martedì scorso) - e una macchina con architettura AMD64.

Caratteristiche

  • E' parte di Windows. Per utilizzarla non sarà necessario ricorrere ad altri software, sarà parte integrante delle versioni Windows 10 Pro ed Enterprise;
  • Ogni volta che si avvia è come se fosse una nuova installazione di Windows;
  • Non lascia traccia nel sistema operativo: ogni volta che viene chiuso, tutti i contenuti vengono cancellati;
  • E' sicuro: esegue un kernel separato e non interferisce con l'host;
  • E' efficiente, grazie all'impiego di strumenti come la GPU virtuale o l'integrated scheduler che consente all'host di decidere quando viene eseguita la sandbox.

Requisiti richiesti

  • Windows 10 Pro o Enterprise build 18305;
  • Architettura AMD64;
  • Virtualizzazione attivata dal BIOS;
  • Almeno 4GB di RAM (8GB consigliati)
  • Almeno 1GB di spazio di archiviazione (consigliato SSD);
  • Almeno una CPU dual-core (consigliata una CPU quad-core con hyperthreading).

Per ulteriori dettagli sul funzionamento e per le modalità di attivazione di Windows Sandbox nelle versioni di Windows supportate, si rimanda alla pagina ufficiale raggiungibile tramite il link in FONTE.

 

Fonte:https://techcommunity.microsoft.com/t5/Windows-Kernel-Internals/Windows-Sandbox/ba-p/301849

 

 

Related

Share

Personale certificato Microsoft Professional